Bio Marirosa Fedele

Brasiliana di nascita ed Irpina d’adozione, Marirosa Fedele muove i primi passi artistici nella sua terra irpina, studiando, ascoltando e reinterpretando brani della tradizione peruviana, celtica e portoghese.

La formazione artistica avviene al C.E.T di Mogol e con Maria Grazia Fontana (RAI1). Ha collaborato come voce solista per il coro delle Voci Bianche del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, come Vocalist per Antonella Bucci (Eros Ramazzotti) nel tour “Get Back”, con musicisti del calibro di Dario Deidda, Gigi De Rienzo, Davide Cantarella, Alberto D’Anna e con i New Trolls in trasmissioni RAI. Collabora inoltre con diversi jazzisti campani, ma è attraverso la composizione dei suoi brani che sperimenta, osa e cerca un suo linguaggio musicale, testuale e performativo, fissandolo in un concept album targato “Burattino di Asteri- schi”, che ad oggi ha attirato a sé l’attenzione e il favore della stampa, della critica italiana e di diversi autori e compositori italiani, che hanno deciso di collaborare con lei.

Ha collaborato poi con il regista Carlos Solito, scrivendo le musiche per il corto “Il Fiume Giovane” presentato al Giffoni Film Festival 2015 e al “Ente Premio Sele d’oro”. Marirosa ad oggi è descritta dalla stampa come il nuovo nome del pop Italiano e accostata a voci del calibro di Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Mia Martini e Mina.

Le Produzioni Discografiche

BURATTINO DI ASTERISCHI

Burattino di Asterischi è il disco di debutto di Marirosa Fedele, pubblicato dall’etichetta discografica Divinazione Milano / Terzo Millennio e distribuito nei negozi di dischi dalla Self.

Nato dalla penna di Marirosa Fedele, il concept album Burattino di Asterischi – contenente 6 brani – è un viaggio introspettivo volto a raccontare le diverse sfaccettature dell’animo umano.

Cercando, osando e scoprendo un suo linguaggio musicale, performativo e descrittivo, Marirosa decide di percorrere, attraverso figure chiave dell’immaginario collettivo, un cammino di rinascita. Burattino e Mangiafuoco sono i personaggi cardine scelti per esemplificare la storia narrata, Narciso e Chicco i complementari per definire altri aspetti. Il primo viene presentato come personaggio inerme e silenzioso, il secondo come un uomo crudo e rancoroso, il terzo come un ‘folle’ ed il quarto come un uomo senza radici.
Partendo da Se credi, brano inusuale che fonde la struttura pop con ritmi sudamericani, continuando con Burattino di Asterischi, una bossa nova dolce e intensa che descrive le nude e crude sfaccettature di un animo e proseguendo ancora con una poesia trasposta in musica, ‘Vai Vedrai’ tratta dal Cirque du Soleil che ci introduce al tema della sofferenza e della Follia, veniamo accompagnati al brano Narciso, in cui viene raccontato ‘il volto di follia’ di un uomo dall’ego smisurato e successivamente al brano Le Tre, in cui si parla di Chicco, uomo in rinascita sospeso tra un miracolo ed un brivido. Con il brano Apri il Cielo invece si avverte un richiamo forte alla speranza; carico di atmosfere intimiste e di ricerca, il brano chiude il concept lasciando tutti un po’ sospesi in un ‘magico sentiero’.

CUCITI GLI OCCHI

Cuciti gli Occhi”, contiene cinque brani che abbracciano soul, pop, latin, R&B e Jazz, generi molto cari a Marirosa Fedele si propone come racconto di un tempo immaginario.

Attraverso cinque storie diverse, il disco ci mostra la possibile riscoperta di quell’attimo chiamato condivisione. Un racconto che narra di corse senza sosta, che talvolta ci lasciano senza fiato, e di immagini fisse nella nostra mente che spesso non riusciamo raggiungere. Partendo da Cuciti gli occhi, in cui si racconta attraverso la figura di Marirosa e di quattro ballerini, questa fortissima voglia di vivere e quell’attimo di pace interiore in condivisione con l’altro, entriamo in contatto con il particolare mondo al quale la cantautrice fa riferimento con grazia ed eleganza, cesellando note e parole in modo delicato e suggestivo; si prosegue con Sfioro un sé…, brano dal sapore latino che racconta la storia di chi lotta ostinatamente per riuscire a riscrivere una storia che ormai sembra al limite e ricomporre quell’attimo di pace perduto; Fragile Lacrima è un altro pezzo con un incedere tipicamente latino con il quale conosciamo chi fugge da un incontro/scontro mai concluso senza avere interesse per “il raggiungersi”.


Con il quarto brano invece, Il coraggio di tacere, si approda all’ R&B (altro mondo musicale caro a Marirosa Fedele) e alla storia di una donna che sempre nella ricerca di un attimo di pace, per amore, mette da parte ogni sua esigenza per far spazio al bisogno dell’altro: una canzone davvero suggestiva.

La chiusura dell’EP è affidata a Cuciti gli occhi jazz, con la quale Marirosa ci apre le porte del suo cuore, mostrandoci il suo amore per il Jazz.

I PROGETTI LIVE 

Duo

Chitarra e voce;
Piano e voce.

Love foolosophyLa voglia, la pazzia
Quartetto/Quintetto

– Batteria, basso, piano e voce;
– Batteria, basso, chitarra e voce;
– Batteria, basso, piano, chitarra e voce.

Via Con Me – Paolo ConteMedley Non Succederà più – Love foolosophyStreet life – Crusaders

CONTATTI